Pasqua 2021, la carità sopra tutto

COENA DOMINI

“…sopra tutte queste cose rivestitevi della carità, che le unisce in modo perfetto” (Col 3,14).

Gesù si dona come sacrificio vivente, come esempio per noi.

Sacrificio che prima di essere compreso deve essere accolto e vissuto.

Che questo giovedì santo sia l’occasione per riscoprirci in comunione, accogliendoci per quello che siamo.

 

VIA CRUCIS

quando sarò innalzato da terra, attirerò tutti a me” (Gv 12,32).

Prendere la propria croce per seguire Gesù. Ma sulla croce ci è salito Lui, una volta per tutte; noi prendendo la nostra impariamo a stargli appresso.

Che questo venerdì santo sia l’occasione per rinnovare la nostra disponibilità ad essere purificati e perfezionati.

 

VEGLIA di RISURREZIONE

Nessuno può venire a me, se non lo attira il Padre che mi ha mandato; e io lo risusciterò nell’ultimo giorno” (Gv 6,44).

Siamo stati attirati da Gesù, che è stato crocifisso e posto nel sepolcro. È il tempo di “passaggio” dalla Passione alla Risurrezione.

Che questo sabato santo sia l’occasione di convertire la nostra attenzione: dalla pietra sepolcrale dei problemi alla resurrezione nella vita nuova.

 

CRISTO è RISORTO

La carità non avrà mai fine” (1Co 13,8).

La Salvezza ci mette in condizione di unirci nuovamente con Gesù, in Dio. La Risurrezione ci mette in condizione di volere ciò che Dio vuole, in Gesù.

Che questa domenica di Pasqua sia un nuovo giorno di una carità senza fine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *