Gesia-Skype

“…perché vi meravigliate di questo…?” (cfr At 3,12)

Pietro, nel nome di Gesù il Nazareno, guarisce uno storpio fin dalla nascita. La gente rimane stupita (lo sarei stato anch’io) e l’apostolo nel suo discorso di risposta afferma: “…perché vi meravigliate di questo…?”, insomma è Gesù che opera; Cristo è risorto ed opera prodigi in mezzo a noi, perché vi meravigliate? Questo dovrebbe essere la normalità.

Gesù non estirpa il male dal mondo, non toglie la zizzania dal campo (p.e. il coronavirus); questo è il problema dei problemi che da sempre coglie l’uomo: se Dio… perché il male?

Vi lascio scartabellare nella straordinariamente millenaria ricchissima bibliografia per trovare una risposta soddisfacente.

Una cosa è certa: il male c’è e con esso tutto il dolore che ne consegue; il male c’è ma nel male Gesù ancora oggi compie prodigi perché continua a rivelarsi nel cuore dell’uomo ed aprirgli la mente e il cuore all’orizzonte senza fine dell’Amore di Dio e del suo Regno Eterno.

In queste poche e povere righe desidero semplicemente condividere un fatto che mi edifica molto: in questo tempo di domicilio forzato, di sospensione di tutti i nostri incontri comunitari, ho VISTO la nostra Koinonia Giovanni Battista a voler continuare a stare unita per pregare e per condividere INSIEME attraverso i social network (vedi l’articolo precedente).

Nel nostro piccolo, come Corte Gesia, quasi tutte le nostre Case di Preghiera (CdP) si sono organizzate in videoconferenza attraverso Skype o WhatsApp con 4 o più connessioni simultanee; lo stesso dicasi per i nostri incontri assembleari in videoconferenza Skype con mediamente 20-25 connessioni simultanee.

Abbiamo un piccolo popolo che vuole stare unito, pregare e condividere.

Questo mi dà grande speranza e gioia. Il male c’è ma Gesù risorto è all’opera e continua a manifestarsi nel cuore dell’uomo.

Le CdP-Skype, CdP-WhatsApp e Gesia-Skype ne sono una testimonianza.

Quale gioia… quando ci ritroveremo di nuovo presso la nostra Corte Gesia.

 

8 thoughts on “Gesia-Skype

  1. Cristo è risorto. carissimi voglio condividere con voi questa testimonianza… Dopo l’isolamento… Il desiderio di sapere come stanno i fratelli era grande… Noi in C.F. abbiamo il gruppo e li ci aggiorniamo ma con D. era difficile perché lui non poteva rispondere… Comunque ho e abbiamo pregato x lui… La grande gioia è arrivata quando abbiamo iniziato la nostra CdP su skype e si è connesso anche D. … Capirete che la gioia è stata immensa nel vederlo… Ho e abbiamo ringraziato il Signore, perché è grande “Lui compie i miracoli” gloria e lode al Signore!!!!

  2. Cristo è risorto! Inizialmente ero piuttosto imbarazzata ad usare lo Skype per la preghiera comunitaria ma oggi riconosco che è un mezzo che mi salva dall’isolamento e mi aiuta a fortificarmi nello spirito. È bellissimo vedere i volti dei fratelli e proclamare insieme la Risurrezione di Gesù e tenere accesa la fiamma della speranza ricordando le promesse di Dio.

  3. Ringrazio chi, attraverso la tecnologia, ci da la possibilità di stare assieme, uniti nella preghiera a Dio. Questo mi da gioia e non mi fa sentire sola.

  4. Sperimento la gioia con questo modo di trovarci. Dalla domenica delle Palme ad oggi lo vivo come un dono, non mi aspettavo un modo così forte. Anche il Triduo mi ha riempito il cuore di consolazione e di presenza, mi ha tolto l’isolamento. Posso dire che la bellezza di questo modo di pregare comunitariamente ha superato ogni mia aspettativa. Con tutto il cuore: grazie Signore e grazie sorelle e fratelli!!!

  5. Questa idea di Gesia-Skype e della CdP-Skype è una luce suprema, soprattutto le videoconferenze del Triduo che mi hanno mantenuto saldo. Se non ci fossero stati questi momenti sarei crollato.

  6. Cristo è Risorto! Bella questa iniziativa in videoconferenza: Gesia, CdP, INTERCESSIONE. Questi collegamenti mi danno forza.

  7. Anch’io voglio condividere con voi quello che sto sperimentando in questo periodo di distacco fisico dagli amici della comunità. Io non amo molto i computer, ma mi sono affezionata agli incontri video con i fratelli della Casa di Preghiera e a quelli di Gesia Skype perchè da essi ricevo grande forza. Così, anche se con il lavoro ho molti più impegni di prima, metto al primo posto Gesù e l’incontro virtuale con i fratelli perchè questo modo nuovo di fare preghiera e condivisione rafforza la nostra identità.

  8. Cristo è Risorto. Carissimi devo dire che è stato molto utile il Gesia-Skype e la Casa di Preghiera Skype in questo periodo di deserto. Molto forte il Triduo Pasquale che mi ha fatto sentire la Pasqua ancora più intensamente… Nella Casa di Preghiera devo testimoniare una guarigione. Sono guarito dalla rabbia e dal dolore che avevo dentro e sentivo nello stomaco, dovuto alla mia separazione! Ringrazio il Signore per questo dono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *