Andrà tutto bene!

“Stiamo tutti bene e andrà tutto bene”

Ci sono situazioni drammatiche, degenerate in ambiente familiare, che spingono alcune donne a chiedere aiuto. Il primo aiuto offerto è un’accoglienza fuori casa, in un luogo protetto. Il nostro progetto Corte familiare è nato come risposta a questa urgenza. Ad oggi, in circa quattro anni, abbiamo accolto oltre 50 persone tra nuclei mamma-bambino, vittime di violenza e vittime di tratta.

La nostra Corte Gesia è “fuori dal mondo”, la prima casa abitata vicina a noi è a circa 700 metri da percorre su una strada bianca consortile, piuttosto disagiata soprattutto a causa dei mezzi pesanti agricoli che vi transitano.

Siamo anche noi in emergenza sanitaria, come tutto il mondo. Anche noi rimaniamo “chiusi” nella nostra Corte Gesia, nei nostri quasi 17.000 mq di corte.

La Corte Gesia è oggi un micromondo che pullula di vita, al momento stiamo tutti bene e quando usciamo per la spesa settimanale, troviamo il centro abitato deserto; ci sembra di essere “fuori dal micromondo”.

Queste poche righe per ringraziare il Signore Gesù del dono della Corte Gesia e del progetto Corte familiare attraverso il quale aiutiamo donne in difficoltà offrendo loro un luogo di vita comunitaria, di condivisione e di reciproco sostegno.

Vogliamo prendere anche per noi e per questo nostro mondo in emergenza covid-19, le parole che Gesù disse a Giuliana di Norwich: “Andrà tutto bene” (*).

 

(*) La frase fu detta durante una visione da Gesù a Giuliana di Norwich, mistica inglese vissuta tra il XIV e il XV secolo

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *